Muore giovane mamma in provincia di Vicenza: lottava contro l’anoressia

  • blog notizie - Muore giovane mamma in provincia di Vicenza: lottava contro l’anoressia Muore giovane mamma

Muore giovane mamma: tragedia a Villaverla, in provincia di Vicenza, mamma di 24 anni è morta all’improvviso, soffriva da tempo di anoressia.  Inutili i soccorsi per Giovanna Zorzi, la 24enne che ha accusato un malore mentre era alla guida della sua auto in compagnia dell’attuale compagno, che ha subito chiamato i soccorsi.  Tutto inutile, la giovane è deceduta all’ospedale di Santorso, a Villaverla, in provincia di Vicenza, nella serata di mercoledì 7 marzo.

La ragazza viveva con il figlio piccolo e il nuovo compagno, ma da quando era adolescente lottava contro lo spettro dei disturbi alimentari e dell’anoressia. Aveva spesso in passato cercato di uscire dal tunnel, ma il suo fisico era molto provato da anni di privazioni alimentari.

Muore giovane mamma: la morte del padre, un colpo troppo duro

L’incidente è avvenuto nel giro di pochi minuti sotto gli occhi del compagno Nicola. Giovanna si trovava alla guida della sua auto, nella via di ritorno verso casa, dove ad aspettarla c’era il figlio piccolo avuto da una precedente relazione.

La giovane si è sentita male all’improvviso, e malgrado l’intervento dei paramedici e la corsa in ospedale, è deceduta probabilmente per un infarto. Sarà l’autopsia disposta dalla procura di Vicenza a rivelare le cause certe che hanno portato alla morte della giovane mamma.

Giovanna, che lavorava in uno studio dentistico, soffriva fin dall’adolescenza di disturbi alimentari, che la portavano a rifiutare il cibo, dimagrendo così a vista d’occhio.

La scomparsa del padre, punto fermo nella vita della giovane, e la fine del matrimonio con il padre del figlio, non hanno di certo contribuito alla salute mentale e fisica della donna. Tuttavia l’amore e il sostegno di chi le voleva bene, dei colleghi di lavoro e del nuovo compagno  avevano permesso alla giovane di prendere in mano la propria vita e farsi cosi aiutare da strutture specializzate, ma non è servito a salvarle la vita.


Tags :