Emigratis 3: Pio e Amedeo senza veli parlano delle “doti” di Stefano De Martino

Emigratis 3: Pio e Amedeo senza veli parlano delle “doti” di Stefano De Martino – Ieri sera sono tornati in onda Pio e Amedeo con Emigratis 3. I due, sempre a modo loro, hanno affrontato i temi di: omosessualità ed omofobia.

SFOGLIA LA GALLERY PER VEDERE LE FOTO

Pio e Amedeo senza veli parlano delle “doti” di Stefano De Martino

Oltre a rimanere senza veli hanno parlato “abbondantemente” del “Talento” di Stefano De Martino. Il ballerino di Amici, momentaneamente inviato in Honduras, ha dovuto spiegare i motivi di tanto successo con gli uomini gay. Secondo i due conduttori, oltre alla bellezza fisica, ad attirare più di ogni altra cosa sarebbe proprio il suo “talento”.

Successivamente, Pio ed Amedeo, hanno affrontato temi molto forti ed il loro approccio diverso dai soliti ha decisamente spaccato il web. Da una parte si sono schierati coloro che si sono sentiti offesi dalle loro parole. Dall’altra parte invece sono stati in molti ad aver apprezzato la comicità dei due.

In un’intervista rilasciata a TgCom24 , Pio e Amedeo hanno cercato di spiegare questa prima puntata:

“Parliamo di omosessualità. E immaginate come due come noi ne possiamo parlare. Incarniamo tutto quello che c’è di scorretto per denunciarlo. C’è una frase bellissima che chiude il servizio: “Sotto gli occhi di Dio siamo tutti unici”. E li anche l’uomo della strada capisce che non c’è niente di sbagliato, che siamo tutti uguali. Ci spingiamo oltre, fino a sposarci.
Tutto nasce dall’idea di abbattere gli stereotipi, ma con la nostra solita ironia.
Se abbiamo paura di offendere qualcuno? Noi facciamo il verso a chi dice la solita frase ‘ho tanti amici gay ai quali voglio un sacco di bene’. Affrontiamo il tema come farebbe una persona che vive al sud, ma nel corso della puntata ci educhiamo, incontriamo celebrità e psicologi che ci fanno capire che alla fine di diverso non c’è nulla. E se questo messaggio è arrivato a noi, significa che possono recepirlo tutti. Con le nostre maschere ridiamo e scherziamo ma facciamo anche pensare.”

Avrà capito il pubblico a casa?


Tags :