Lutto nella musica. Addio ad Avicii, re dell’elettronica

Ha lasciato questo mondo a soli 28 anni Avicii. Il dj producer svedese è stato trovato morto a Muscat in Oman per cause ancora da accertare.

Chi era Avicii?

Tim Bergling, meglio conosciuto come Avicii, era a nato l’8 settembre 1989 a Östermalm, un quartiere dell’area est di Stoccolma, la capitale della Svezia; sua madre è l’attrice svedese Anki Lidén. Bergling iniziò a mixare canzoni nella sua cameretta di adolescente e a pubblicarle gratis su un blog di musica svedese e, in seguito, sul suo profilo MySpace. Raccontò più avanti di aver scelto il nome d’arte Avicii perché “Bergling” (il suo cognome) era già stato preso da altri. Avicii è un riferimento all’Avīci, che significa “senza onde” ed è, semplificando un po’, il livello più basso di quello che per il buddismo è il corrispettivo dell’inferno.

Raggiunge il successo mondiale con Levels nel 2011, per poi piazzare anno dopo anno singoli di grandissima fama nelle hit parade internazionali, tra cui Wake me up. Il ventottenne soffriva da tempo di seri problemi di salute ed era passato attraverso diversi ricoveri per poi annunciare il definitivo ritiro dalle scene live nel 2016. Sembra che risalga al 2012 il primo ricovero di Avicii, in un ospedale di New York, per una pancreatite acuta, legata all’uso di alcool. Tuttora, non sono state diffuse le cause ufficiali della sua morte. Nel settembre del 2017 Avicii aveva annunciato l’uscita di Avicii: true stories, il documentario sulla sua vita. Ceduto a Netflix il 31 marzo 2018, il documentario è diretto da Levan Tsikurishvili.

Il ricordo dell’ amico David Guetta

“È accaduto qualcosa di orribile. Abbiamo perso un amico e un bellissimo cuore, e il mondo ha perso un incredibile talento musicale. Grazie per le tue melodie meravigliose, per il tempo che abbiamo condiviso in studio, suonando insieme da dj o godendoci la vita da amici”, scrive pieno di rammarico e dolore il collega David Guetta.

Il dolore dell’ex fidanzata

“Vieni, baby, non rinunciare a noi. Sceglimi e ti mostrerò il mio amore’, ndr). Queste sono le parole di una canzone che Tim ha scritto per me (‘Enough is enough’, ndr). Mi sarebbe piaciuto non disattenderle. Per due anni siamo stati insieme, lui è stato il mio più vicino confidente e il mio migliore amico. Ora non riesco a guardarlo sapendo che non vedrò più il suo viso. Sto ancora cercando di raccogliere i miei pensieri e vi ringrazio per tutte le vostre parole gentili e per i messaggi. Svegliatemi quando sarà tutto finito (‘Wake me up when it’s all over’, scrive citando la canzone ‘Wake Me Up’, ndr), perché non voglio che tutto questo sia reale”. Così l’ex fidanzata di Avicii rivela al mondo il suoo immenso dolore per la scomparsa di quello che un tempo era il suo amato.

 


Tags :