USA lattuga killer: un decesso e 120 casi segnalati, paura epidemia

  • blog notizie - USA lattuga killer: un decesso e 120 casi segnalati, paura epidemia usa lattuga killer

USA lattuga killer. Negli Stati Uniti sta seminando terrore il batterio Escherichia coli, che provoca una grave infezione alimentare, che in un caso si è rivelata letale.

USA lattuga killer: sintomi provocati dal batterio E.coli

Il ceppo del batterio E.coli che provocherebbe diarrea, vomito, crampi allo stomaco, fino ad arrivare a un’insufficienza renale, viene ricondotto dalle autorità sanitarie alla lattuga coltivata nella regione di Yuma, in Arizona, zona che tra l’altro rifornisce gli States di vari ortaggi durante i mesi invernali. In questa zona peraltro si sono verificati dei casi di infezione alimentare presso alcuni detenuti di una  prigione dell’Alaska che hanno accusato i sintomi provocati dal batterio dopo avere ingerito la lattuga in questione.

Un decesso in California

Sono stati segnalati 121 casi di infezione tra persone appartenenti a una fascia di età abbastanza larga, da 1 a 88 anni. Ma a fare preoccupare è stato il primo caso di decesso avvenuto in California. La persona in questione ha accusato i sintomi legati al batterio che si trova nella lattuga, ma al momento non si conoscono ulteriori dettagli. Per precauzione nella zona di Yuma è stata sospesa la produzione e la distribuzione della lattuga, e la situazione è adesso monitorata dalla Food and Drug Administration per evitare che altre lattughe ritenute pericolose possano essere prodotte e distribuite, avvelenando  altre persone.

A rassicurare la popolazione del luogo che è non poco preoccupata è Peter Cassell della divisione Food Safety della Food and Drug Administration affermando che l’agenzia sta lavorando per “identificare più canali di distribuzione che possano spiegare tutti i casi a livello nazionale. Stiamo risalendo a più gruppi di persone malate in aree geografiche diverse”. Conferma la cessione di produzione e distribuzione della lattuga nella zona di Yuma, aggiungendo ” tuttavia a causa della durata di conservazione pari a 21 giorni, non possiamo essere certi che i prodotti provenienti da quest’area non siano più presenti nella catena di approvvigionamento”.


Tags :