Terracina, trovati i corpi di mamma e figlia abbracciati in mare

  • blog notizie - Terracina, trovati i corpi di mamma e figlia abbracciati in mare

Sono stati ritrovati oggi inghiottiti dal mare ma abbracciati e uniti i corpi di madre e figlia a Terracina.  Sono di una cubana di 31 anni, Yaime Cappe, e della figlia Sofia, di due, i corpi recuperati in mare al largo di Terracina. Il 3 maggio scorso, a Baia Domizia, era stato ritrovato quello del marito e padre, Pierluigi Iacobucci. Abitavano a Mondragone.

 La donna e la bimba sono la compagna cubana e la figlia dell’imprenditore di Mondragone Pierluigi Iacobucci, proprietario di diversi supermercati a marchio Conad della provincia di Latina. L’uomo, 32 anni, era uscito per una gita in mare con una moto d’acqua il 2 maggio assieme appunto alla compagna e alla figlia. Il corpo di Iacobucci è stato ritrovato il giorno dopo su una spiaggia a Baia Domizia. Saranno ora gli esami autoptici e le successive indagini a stabilire le cause della morte di tutti e tre.

Chi lo conosceva descrive Pierluigi come una persona molto sensibile e riservata, tanto da non avere un profilo sui social. Le indagini ipotizzano un incidente, con il 32enne che si sarebbe avventurato alla foce del Garigliano, dove il mare è più mosso, perdendo il controllo del mezzo; madre e figlia sono finite in acqua, Iacobucci è rimasto attaccato all’acqua scooter trovando poi la morte.

In un primo momento si era pensato che i cadaveri appartenessero a due migranti, ma secondo i primi riscontri si tratterebbe invece di una donna di nazionalità cubana di circa trent’anni e della figlia di circa tre, scomparse in mare mercoledì scorso. La segnalazione dei corpi in mare è arrivata poco prima delle 11 alla Guardia costiera di Terracina da parte della Guardia di Finanza, che a bordo di un pattugliatore era in servizio in mare. Il ritrovamento è avvenuto a un miglio circa dalla Foce di Torre Canneto. I due cadaveri sono stati recuperati dalle motovedette dalla Guardia Costiera di Terracina e della Capitaneria di porto di Gaeta, sono stati condotti in porto e sono ora a disposizione dell’autorità giudiziaria.


Tags :