Accordo Nestlè-Starbucks da 7,15 miliardi di dollari

  • blog notizie - Accordo Nestlè-Starbucks da 7,15 miliardi di dollari accordo Nestlè-Starbucks

Accordo Nestlè-Starbucks. E’ stato firmato un accordo miliardario tra Nestlè e Starbucks che permette al colosso agroalimentare svizzero di poter vendere i prodotti Starbuks a livello globale.

Accordo Nestlè-Starbucks da 7,15 miliardi di dollari

Il gruppo svizzero, proprietario di Nestlè e Nespresso ha infatti pagato i diritti di vendita di alcuni prodotti di Starbucks per 7,5 miliardi di dollari, pari a 5,97 miliardi di euro, cosi da poter commercializzare in tutto il mondo i prodotti Starbucks, Seattle Best Coffee, Starbucks Reserve, Teavana, Starbucks Via e Torrefazione Italia. Si stima un business di 2 miliardi l’anno, ottenendo ricadute positive già dal 2019. L’auspicio che si augura il gruppo svizzero è quello di conquistare il mercato statunitense, dove si battono vari competitor nel mercato del caffè e dei prodotti da bere in generale, come la JAB Holding della famiglia Reimann che ha speso 30 miliardi di dollari per acquisire attività come Keuring Green Mountain e Peet’s. La Nesltè aveva infatti già deciso di affermarsi nel mercato statunitense prevalentemente nel settore redditizio del caffè, uscendo dal mercato americano degli snack e dei dolci confezionati.

Accordo Nestlè-Starbucks: “abbiamo riunito tre marchi iconici del mondo del caffè”

Il Ceo di Nestlè Mark Schneider afferma entusiasta di “aver cosi riunito tre marchi iconici del mondo del caffè, Nestlè, Nespresso e Starbucks, segnando con questa transizione una tappa importante per le nostre attività relative al caffè, la categoria di prodotto a più forte tasso di crescita del gruppo”. Entusiasmo condiviso dal numero uno di Starbucks Kevin Johnson affermando che “questa alleanza globale nel caffè porterà l’esperienza Starbucks nelle case di milioni di persone in tutto il mondo attraverso la fama di Nestlè”. Nell’accordo rientra infatti il caffè tra le 4 categorie di prodotto, ma restano escluse le bevande “ready to drink” , quelle già preparate e pronte al consumo.

L’accordo che prevede quindi la vendita di prodotti a base di caffè del marchio Starbucks presso supermercati, ristoranti e attività di catering, verrà approvato dall’Authority per la concorrenza e il closing entro fine 2018. Inoltre circa 500 dipendenti Starbucks entreranno a far parte del team Nestlè, con il gruppo Starbucks che continuerà la distribuzione dei suoi prodotti nel Nord America, mentre Nestlè sarà responsabile della produzione a livello globale.


Tags :