Acquarius, scontro Salvini-Boldrini: “No a traffico esseri umani”

  • blog notizie - Acquarius, scontro Salvini-Boldrini: “No a traffico esseri umani” Salvini Boldrini Acquarius

La questione migranti porta ancora una volta duri scontri sul fronte politico italiano, una situazione che da anni spinge le fazioni interne al nostro paese ad un acceso dibattito.

Salvini: “No al business dell’immigrazione clandestina”

A scatenare l’inizio di questa vicenda è stato l’arrivo della nave Acquarius, con a bordo oltre 600 migranti, seguita dall’immediata reazione del neo Ministro dell’Interno Matteo Salvini, che con un annuncio sui suoi profili social ha voluto dire la sua in merito al possibile attracco della nave presso uno dei porti del Bel Paese: “Nel Mediterraneo ci sono navi con bandiera di Olanda, Spagna, Gibilterra e Gran Bretagna, ci sono Ong tedesche e spagnole, c’è Malta che non accoglie nessuno, c’è la Francia che respinge alla frontiera, c’è la Spagna che difende i suoi confini con le armi, insomma tutta l’Europa che si fa gli affari suoi.

Da oggi anche l’Italia comincia a dire NO al traffico degli esseri umani, NO al business dell’immigrazione clandestina. Il mio obiettivo è garantire una vita serena a questi ragazzi in Africa e ai nostri figli in Italia.” Una posizione netta, ferrea, da parte del leader della Lega, che ha intimato infine al governo di Malta di non voltare la faccia nei confronti della vicenda e di permettere l’attracco all’Acquarius.

Salvini contestato

La risposta ovviamente non s’è fatta attendere: in primis da parte del portavoce del governo della Valletta, che ha sostenuto, secondo quanto riportato da Malta Today, che “Il governo di Malta non non è né l’autorità che coordina né ha competenza sul caso”; in secundis da parte del sindaco di Palermo Leoluca Orlando, per cui Salvini “vìola la legge internazionale” e, ha sottolineato ai microfoni del Fatto Quotidiano, affermando che “Palermo, la città che a partire dal suo nome è ‘tutta porto’, è stata e sarà sempre pronta ad accogliere le navi, civili o militari che siano, impegnate nel salvataggio di vite umane nel Mediterraneo.

“A far piena opposizione alle parole di Salvini ci sono anche Luigi De Magistris, sindaco di Napoli, Giuseppe Falcomatà, primo cittadino di Reggio Calabria, e Renato Accorinti, sindaco di Messina: tutti e quattro hanno immediatamente aperto le braccia al possibile approdo dell’Acquarius, che a detta di Accorinti sarebbe diretta proprio a Messina. Non s’è fatto attendere nemmeno il commento polemico dell’ex Presidente della Camera Laura Boldrini, per cui Salvini starebbe riportando l’Italia “ai tempi di sua nonna”, ironizzando sulle idee del leader leghista circa la politica interna: “Salvini chiude i porti. Poi chiuderà le strade. Poi ci chiuderà in casa”.

Di Maio: “L’Europa batta un colpo”

Infine, come riporta Ansa.it, anche il neo Ministro del Lavoro Luigi Di Maio ha detto la sua, puntando il dito contro l’Europa, che a sua detta “Deve battere un colpo, questa vicenda dimostra che siamo stati lasciati soli. Mentre noi siamo stati disposti per anni ad accogliere migliaia di migranti, Malta non è disponibile ad accogliere centinaia”. Non ci sono mezze misure per il leader del Movimento 5 Stelle: “Questa Europa non è solidale e o l’UE diventa solidale o è un problema per il Paese”.


Tags :