Volo Roma-Chicago, paura ad alta quota: allarme bomba e volo dirottato

  • blog notizie - Volo Roma-Chicago, paura ad alta quota: allarme bomba e volo dirottato Volo Roma-Chicago

Volo Roma-Chicago. Paura sul volo numero 971 della United Airlines: il Boeing 767-300 decollato ieri mattina da Roma Fiumicino e diretto a Chicago è stato dirottato verso l’aeroporto di Shannon, in Irlanda, dopo un sospetto allarme bomba.

La causa del dirottamento: paura per la bomba

La preoccupazione è nata dal ritrovamento di un messaggio sul muro del bagno dell’aereo, che poteva essere interpretato come una minaccia terroristica, ragion per cui l’equipaggio di bordo ha voluto procedere con il dirottamento dell’aereo in direzione Irlanda. L’aereo, decollato per le 11:00 della mattina, avrebbe dovuto impiegare circa 11 ore per arrivare a Chicago, alle 12:45 però – come riportato da corriere.it – il ritrovamento del messaggio nel bagno ha obbligato l’equipaggio ad interrompere il viaggio verso gli Stati Uniti e perciò l’aereo, con a bordo 207 passeggeri, è stato deviato verso Shannon.

Volo Roma-Chicago: la traiettoria dell’aereo

A quel punto, come visibile da Flightradar24, il Boeing 767-300 ha prima preso il largo verso l’Oceano Atlantico per poi ritornare verso l’Irlanda, effettuando diverse manovre per consumare più carburante possibile prima di entrare in fase di atterraggio. L’aereo è stato fatto atterrare verso le 13:42 in una zona periferica dell’aeroporto per poi essere analizzato e sottoposto a controlli per riscontrare possibili tracce di una bomba, poi i passeggeri sono stati fatti scendere per le 14:15 per procedere con i controlli di sicurezza.

Perizia calligrafica

I viaggiatori sono stati successivamente divisi in piccoli gruppi per ulteriori accertamenti: stando a quanto emerge dalla vicenda, la prova del nove sarebbe stata fatta svolgendo una perizia calligrafica, ad ogni passeggero sarebbe stato chiesto infatti di scrivere qualcosa per poter confrontare il testo scritto con il messaggio rinvenuto nel bagno dell’aereo.

Nel mentre, gli operatori dell’aeroporto irlandese di Shannon hanno analizzato con lo screening ai raggi X tutti i bagagli a bordo dell’aereo, sia a mano che in stiva. Mentre ancora si cerca il colpevole, i passeggeri hanno trascorso il resto della giornata nella città irlandese e sono stati ospitati in un hotel a spese della compagnia aerea, per poi ripartire per Chicago nella giornata di oggi.


Tags :