L’Italia nega l’approdo della Vos Thalassa: secco “no” del Viminale

  • blog notizie - L’Italia nega l’approdo della Vos Thalassa: secco “no” del Viminale Vos Thalassa

Continua ad imperversare il dibattito circa la possibilità d’attracco delle navi in Italia. Dopo le imbarcazioni delle Ong, le navi militari dell’Unione Europea, i mercantili stranieri, adesso il governo italiano si oppone anche alle imbarcazioni private battenti la bandiera tricolore che soccorrono migranti. E’ già diventata iconica la vicenda della Vos Thalassa, nave rifornimento per una piattaforma petrolifera della Total nel Mediterraneo che ha prestato soccorso a 66 migranti alla deriva al largo delle coste della Libia: secondo il Viminale non le verrà permesso l’attracco in un porto italiano in quanto “ha anticipato l’intervento della guardia costiera libica che era già stata allertata”.

Il no del Viminale alla Vos Thalassa

Pare che anche stavolta il Ministro dell’Interno Matteo Salvini non permetterà l’attracco della nave con i migranti a bordo in un porto italiano. La motivazione la dà la Presidenza del Consiglio: “La Vos Thalassa è un rimorchiatore a servizio delle piattaforme petrolifere. Ha lasciato i migranti a una nave della guardia costiera italiana, la Diciotti (che pure era più lontana dei libici che stavano entrando in azione).” Questo il commento sulla vicenda del Viminale, che spiega il motivo per cui la nave non approderà in Italia. E il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, in un post al riguardo su Twitter scrive: “Orgoglioso della Guardia Costiera italiana che con nave Diciotti ha preso a bordo 60 migranti che stavano mettendo in pericolo di vita l’equipaggio dell’incrociatore italiano Vos Thalassa. Ora avanti con indagini per punire facinorosi”.

La ricostruzione della vicenda

Secondo una prima ricostruzione appresa tramite corriere.it, nella serata di lunedì la Vos Thalassa avrebbe raccolto l’sos di un barcone con  migranti a bordo nella zona Sar (Ricerca e Soccorso), area di competenza della Libia. Proprio una nave libica era diretta in mare per soccorrere il barcone, ma a quanto risulta l’imbarcazione battente bandiera italiana l’avrebbe anticipata, facendo salire a bordo 66 migranti. La questione, nonostante il blocco delle ultime settimane da parte del governo italiano sull’approdo ai propri porti, non pare essersi risolta definitivamente in virtù del fatto che la Vos Thalassa batte bandiera italiana, un dettaglio da non trascurare: attenderemo ulteriori novità per scoprire come andrà a finire questa vicenda.


Tags :