Migranti, fondatore ONG accusa: “Libici assassini arruolati da Italia”

  • blog notizie - Migranti, fondatore ONG accusa: “Libici assassini arruolati da Italia” ONG Accusa

“I libici hanno affondato la barca e lasciato morire una donna e il suo bambino. Sono assassini arruolati dall’Italia”. Queste sarebbero le gravissime accuse lanciate dall’ONG spagnola Proactiva Open Arms nei confronti della Guardia Costiera di Tripoli. L’accusa è stata scagliata dal fondatore dell’organizzazione Oscar Camps, che tramite il suo profilo Twitter, che ha pubblicato foto e video di uno degli ultimi interventi dell’ONG spagnola, in cui vengono ritratti i corpi senza vita di un bambino e di una donna nel bel mezzo del Mar Mediterraneo, durante il recupero di una donna, rimasta viva dopo quarantotto ore in mare.

L’accusa di Camps al governo italiano

L’accusa di Camps è molto grave e schietta: “La Guardia costiera libica ha annunciato di aver intercettato un’imbarcazione con 158 persone a bordo e di aver fornito assistenza medica e umanitaria”, denuncia Camps. “Quello che non ha detto è che hanno lasciato due donne e un bambino a bordo e di aver affondato l’imbarcazione perché non volevano salire sulle motovedette libiche”. Come ha riportato ilgiornale.it, in un altro tweet il fondatore di Proactiva Open Arms ha continuato dicendo: “Quando siamo arrivati, abbiamo trovato una delle donne ancora in vita, non abbiamo potuto fare nulla per recuperare l’altra donna e il bambino che a quanto pare è morto poche ore prima. Per quanto tempo avremo a che fare con gli assassini arruolati dal governo italiano per uccidere?”

La replica di Salvini

In risposta alle dure accuse di Oscar Camps è intervenuto il Ministro dell’Interno Matteo Salvini, che ha così scritto in un post sui suoi profili social: “Bugie e insulti di qualche Ong straniera confermano che siamo nel giusto. Ridurre partenze e sbarchi significa ridurre i morti, e ridurre il guadagno di chi specula sull’immigrazione clandestina. Io tengo duro”. Nel frattempo, arriva la smentita circa la storia, raccontata da Camps, che incriminerebbe gravemente la Guardia Costiera libica: “”È una fake news. Nelle prossime ore verrà resa pubblica la versione di osservatori terzi che smentiscono la notizia secondo cui i libici non avrebbero fornito assistenza”.


Tags :