Toronto, sparatoria in centro: quattordici feriti, morta una donna

  • blog notizie - Toronto, sparatoria in centro: quattordici feriti, morta una donna Toronto

Sono impressionanti le immagini che i media locali riportano da Toronto, in Canada, dove un uomo ha aperto il fuoco nel pieno centro della città ieri notte, ferendo quattordici persone prima di essere ucciso dalla polizia locale. “Le condizioni dei feriti non sono ancora note. C’è una ragazzina ferita”, questo il report pubblicato online tramite il profilo Twitter del dipartimento di polizia di Toronto: la giovane vittima di cui si parla sarebbe, secondo quanto riporta corriere.it, una bambina di nove anni, che versa in condizioni molto gravi.

La sparatoria al centro di Toronto

Sono circa le dieci di sera (le due di notte di lunedì in Italia, ndr) quando inizia il terribile inferno che hanno vissuto le vittime della sparatoria: a quanto risulta, Global News ha citato una fonte della polizia di Toronto che avrebbe affermato che, prima di atterrare il terrorista con dei colpi di arma da fuoco, le Forze dell’Ordine canadesi sarebbero state prese di mira dai proiettili del killer, ragion per cui è nata uno scontro armato che è terminato con la morte dell’omicida. La tragica notte di Toronto conta circa quattordici feriti, tra cui la piccola in gravi condizioni, ed un morto, una donna che sarebbe stata già dichiarata deceduta sul luogo del delitto.

Le parole del premier dell’Ontario Doug Ford

I testimoni che hanno assistito a questa terribile scena hanno comunicato alla polizia di aver sentito esplodere circa venticinque proiettili, e di aver visto l’attentatore ricaricare più volte la sua arma. Per mandare un segnale di solidarietà nei confronti delle vittime, il premier dell’Ontario Doug Ford ha scritto loro, tramite il suo profilo Twitter, un messaggio di conforto: “Il mio cuore si rivolge alle vittime dell’orrendo atto di violenza armata a Toronto e ai loro familiari. Grazie a tutti i primi soccorritori per aver agito rapidamente in modo da aiutare tutti coloro che sono stati colpiti”.


Tags :