Napoli, turista inglese soccorsa dopo violenza e stuprata di nuovo

  • blog notizie - Napoli, turista inglese soccorsa dopo violenza e stuprata di nuovo Napoli stupro

E’ stata violentata due volte nella stessa notte, prima da due ragazzi, poi da un’altra persona che in quel momento pareva la stesse soccorrendo. Una vicenda terribile che ha preso luogo a Napoli, al termine di una festa organizzata da alcuni studenti Erasmus accolti all’Istituto Orientale. La vittima è una turista inglese di diciotto anni, presente lì alla festa, gli stupratori sono invece tre ragazzi del Napoletano.

Lo stupro nel centro di Napoli

E’ una notte di Marzo, e la giovane turista inglese è in giro per Napoli quando decide di prendere parte ad una festa nel centro storico della città. Uno dei soliti party all’insegna dell’alcool: la ragazza inglese ammette davanti al giudice di aver sì bevuto parecchio, ma i ricordi di quella terribile notte sono assolutamente nitidi. La festa è appena terminata, così la giovane chiede passaggio a due ragazzi conosciuti lì alla festa: i ragazzi le dicono di essere disposti a darle un passaggio, ma la macchina non abbandonerà neanche lontanamente la zona della festa. Nascosti in un vicoletto lì vicino, la ragazza viene abusata sessualmente prima da uno e poi dall’altro dei due stupratori, non dandole la possibilità di liberarsi.

Il “falso soccorritore”

Terminata la violenza, i due ragazzi lasciano la giovane inglese nel vicolo e vanno via in macchina: la povera turista è completamente sconvolta da quanto successo, e così chiede aiuto ad un altro ragazzo conosciuto alla stessa festa, a cui racconta il tragico avvenimento capitatole. Quest’altra persona sembra voler aiutare la povera inglese indifesa, e la fa così salire a bordo della sua auto per accompagnarla a casa: anche questa volta, però, non c’è tregua per la sfortunata vittima. Il giovane alla guida della sua autovettura si ferma nel fossato del Maschio Angioino, deserto a quell’ora della notte, e con un’agghiacciante frase dà il via ad un altro stupro: “Adesso tocca a me”.

I messaggi degli stupratori

E’ questa la terribile storia, come riporta corriere.it, della turista inglese, che si è successivamente rivolta alle Forze dell’Ordine e che ha ora portato al banco degli imputati i tre ragazzi che hanno abusato di lei nella stessa notte: i messaggi che prima i due ragazzi si sono scambiati tra loro, in cui insultavano la ragazza e se la ridevano per quello che le avevano fatto quella notte, ed anche il messaggio che il “falso soccorritore” ha inviato alla turista, dicendole che a lui la giovane sembrava essere consenziente, sono stati intercettati dalla Polizia. Tutti si augurano che giustizia venga fatta, per non permettere più che tragedie come questa si consumino ulteriormente.


Tags :