Blog di News Lifestyle Gossip TV e Spettacolo

Afghanistan, un’orchestra di 29 ragazze sfida i divieti talebani

Un’orchestra di 29 ragazze che sfida i divieti dei talebani. L’orchestra si chiama “Zohra” ed ha concluso martedì il suo primo tour in Europa partendo dal Forum di Davos.

Melodie orientali e occidentali. Strumenti a corda, a fiato e a percussione. Un’orchestra insolita, composta da pioniere nel loro genere. Negin Khpolwak, ventenne, conduttrice dell’orchestra, rivela al “Corriere della Sera”: “Nagira è la prima violoncellista afghana, mentre Gulalai e Huma sono le prime suonatrici di sitar”.

A Ginevra, hanno ricevuto il premio “Freemuse”. Negin spiega: “Gli afghani amano la musica. Prima dei talebani, c’erano cantanti donne, anche se i musicisti erano per lo più uomini. In Afghanistan, molte persone non sono istruite, vivono nei villaggi, non lasciano che le figlie vadano a scuola perché credono che il loro posto sia a casa. Ma anche noi siamo esseri umani, e tutti gli esseri umani devono studiare”. La ragazza ha paura di tornare nel suo paese: “La gente sa che sono una musicista, mi hanno vista in tv e mi considerano una cattiva ragazza. Mio padre è stato l’unico a sostenermi, ma i miei zii hanno minacciato di ucciderlo. Dicono: “Come può una ragazza pashtun suonare?”. Nella nostra tribù non hanno diritto a farlo neppure gli uomini”.

I tre fratelli di Negin ed i suoi genitori sono dovuti scappare a Kabul per evitare le ritorsioni dei parenti. Nonostante la paura, lei precisa in futuro vorrà tornare in Afghanistan e dirigere l’orchestra nazionale: “Non intendo sposarmi. Non mi arrenderò mai”.

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed