Blog di News Lifestyle Gossip TV e Spettacolo

Alimenti sicuri in vacanza, a cosa stare attenti per evitare disturbi

In estate aumentano i casi di disturbi di digestione causati da alimenti in cattivo stato di conservazione.

Se nella preparazione o conservazione degli alimenti si trascurano le norme igieniche e le corrette procedure per il mantenimento della catena del freddo, l’aumento della temperatura favorisce la moltiplicazione di batteri.

Anche se nella maggioranza dei casi non sono particolarmente gravi e caratterizzate da disturbi gastrointestinali che si risolvono in breve tempo,  sono comunque fastidiose e possono rovinare le vacanze.

Ecco alcuni consigli per prevenire i pericoli di disturbi gastrointestinali.

Igiene. E’ utile richiedere ai rivenditori di non toccare gli alimenti con le mani, ma di utilizzare pinze, palette o guanti monouso. Analoghe precauzioni dovrebbero essere richieste a chi vende alimenti o bevande nei bar.

Ristoranti. A pranzo, specie nei ristoranti che non conoscete, diffidate dei carrelli con cibi freddi, conservati a lungo a temperatura ambiente, specie se con gelatine, creme, maionese, mascarpone, salse e uova.

Frutti di mare. Non acquistate pesce e frutti di mare di dubbia provenienza; prendete cozze e vongole solo se contenute in confezioni sigillate e avvolte da una retina di plastica e con un’etichetta che indica peso e scadenza dei frutti di mare. Ricordate che i frutti di mare possono essere conservati al massimo per 4 giorni, alla temperatura di 6°C, quindi, in frigorifero.

Scadenze. Controllate sempre la data di scadenza di tutti gli alimenti ricordando che quelli in cui c’è scritto “da consumare entro” la scadenza è tassativa. Per quelli in cui è scritto “da consumare preferibilmente entro” si possono mangiare anche dopo qualche tempo la scadenza.

Gelati in spiaggia. Il pericolo è che vengano venduti prodotti che hanno subito uno scongelamento e successivamente sono stati ricongelati. L’interruzione della catena del freddo può favorire lo sviluppo di microrganismi e anche alterare la qualità organolettica dei gelati. La confezione non dovrebbe presentare una brina grossolana superficiale. Inoltre all’apertura, soprattutto i classici bastoncini di crema ricoperti di cioccolato, debbono avere una forma regolare.

Bibite. Evitate l’acquisto di bottiglie d’acqua o bibite lasciate sotto i raggi del sole. I contenitori di plastica con il calore rilasciano sostanze chimiche che vengono poi assimilate dal nostro organismo. Ricordate, infine, che anche le bibite hanno una scadenza: controllatela! Molti chioschi estivi, per smaltire le rimanenze dello scorso anno, vendono bibite già scadute.

 

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed