Blog di News Lifestyle Gossip TV e Spettacolo

Attentato moschea Egitto: esplosioni provocano centinaia di vittime

attentato moschea egitto

Attentato moschea Egitto: terrore in Sinai, durante il venerdì di preghiera. Ad essere colpita da un sanguinoso attentato è un moschea nel nord del Sinai, a Rawda, in una località situata fra Bir Al-Abed e il capoluogo del Sinai settentrionale Al Arish. Secondo l’agenzia di stampa di Stato Mena sarebbero 115 vittime e oltre 100 i feriti. L’attacco è stato condotto piazzando più «bombe all’interno» del luogo di culto e sparando sui fedeli che fuggivano dopo l’esplosione.

Fonti del posto hanno riferiti all’ANSA che i morti sono 125. I fedeli “sono stati presi di mira da terroristi che li aspettavano davanti alla porta”, hanno precisato fonti che preferiscono restare anonime. L’attentato è avvenuto durante la preghiera del venerdì islamico.

Secondo quanto riferito al canale Extra News dal responsabile dei soccorsi, Ahmad al-Ansari, i terroristi hanno aperto il fuoco anche sulle ambulanze arrivate sul luogo dell’attacco, ostacolando così il lavoro dei soccorritori che, tuttavia, sono riusciti a raggiungere la moschea.

Attentato moschea Egitto: opera di un gruppo jihadista

Nel Sinai settentrionale è attivo un gruppo jihadista alleato dell’Isis. All’interno della moschea erano radunate almeno 200 persone. I terroristi hanno bruciato “una decina” di auto dei fedeli parcheggiate davanti alla moschea.

Il sito “Sinai plus” riferisce che “dieci ambulanze” sono state fatte convergere sul posto da Ismailia. Al-Sisi convoca riunione di emergenza Il presidente egiziano, Abdel Fattah al-Sisi, ha convocato una riunione di emergenza con i responsabili della sicurezza dopo l’attentato: lo riferiscono i media locali.

Gli ospedali del nord del Sinai hanno dichiarato lo Stato d’emergenza, in particolare quelli della zona di Bir Abed. Il 9 aprile di quest’anno sono state colpite le chiese copte di Tanta e Alessandria d’Egitto, dove sono morte 47 persone. In luglio almeno 23 soldati sono stati uccisi in un agguato. A novembre 2014, Ansar Bait al-Maqdis, organizzazione jihadista egiziana, ha dichiarato la sua affiliazione al califfato islamico, trasformando la penisola del Sinai in una provincia dell’Isis.

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed