Blog di News Lifestyle Gossip TV e Spettacolo

Furti in casa, presa banda di georgiani: 28 arresti tra Italia e Germania

Fermata una banda di rapinatori che operava furti in appartamento, ma anche uffici assicurativi tutti tra Torino, Savona, Alessandria, Cuneo e Pavia. Appartengono al clan Kutaisi, una delle famiglie più violente e pericolose della mafia georgiana e avevano messo radici in Piemonte. E’ partita da Chivasso l’operazione dei carabinieri che ha portato all’arresto di 28 persone in tutta l’Italia e in Germania. Gli arrestati sono accusati a vario titolo di ricettazione e associazione per delinquere.

Specialisti di scassi con la chiave bulgara

La banda è specializzata in furti in appartamento: erano i maestri della “chiave bulgara”. I militari della compagnia di Chivasso hanno contato almeno 85 furti da dicembre 2015 ad oggi.
A Torino i carabinieri hanno individuato anche la palestra dello scasso, un magazzino usato per testare le “ chiavi bulgare” e per provare nuove tecniche di effrazione dove le prove erano a cronometro per abbassare sempre di qualche secondo i tempi d’azione. Il magazzino della refurtiva, che vale centinaia di migliaia di euro, destinata ad essere inviata in Georgia, è stato trovato a Reggio Emilia.

La ricostruzione della mappa di uno dei clan più potenti della mafia georgiana è relativamente recente, risale ai primi omicidi nel nostro paese della famiglia specializzata in furti con scasso che rende riconoscibili i suoi affiliati per i tatuaggi che sono medaglie d’onore come le tacche sulle pistole dei banditi del far west.

Piccole scritte in cirillico sul dorso di un piede o di un polpaccio significano: “poliziotto ucciso”, quasi una cultura carceraria che non è altro che il terreno dove questo gruppo ha iniziato a prendere forma in un passato meno recente, dopo il crollo dell’Urss. Esattamente come altre mafie sono gruppi con specializzazioni precise – i furti in appartamento sono l’attività più famosa in Italia – ma legati anche ad altre dinamiche della criminalità organizzata: dalle faide alle rivalità tra clan e famiglie.

Gli arresti, in considerazione della ramificazione del gruppo criminale, sono scattati in collaborazione con vari reparti territoriali e con lo Scip, il Servizio Cooperazione Internazionale di Polizia del Dipartimento di Pubblica Sicurezza. Gli arrestati sono accusati a vario titolo di ricettazione e associazione per delinquere finalizzata al furto in abitazione.

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed