Blog di News Lifestyle Gossip TV e Spettacolo

Charlie, dopo l’appello dei genitori i medici concedono più tempo

I genitori del piccolo Charlie hanno postato un videomessaggio, lanciando un ultimo appello che è stato ascoltato.”Morirà sapendo che lo abbiamo amato”, hanno detto in mattinata i genitori. Non è stato comunicato quando Charlie non sarà più tenuto in vita ma i genitori avranno più tempo. Il piccolo di dieci mesi è ricoverato da mesi al “Great Ormond street hospital” di Londra. È affetto da una rara malattia incurabile che lo fa soffrire. I genitori del bimbo hanno perso la battagli legale con la Corte europea dei diritti umani, negata la proposta di portare il figlio, a proprie spese, negli Usa, per sottoporlo a cure sperimentali. Con ciò, è stato negato anche ad un papà e una mamma di prendersi cura del proprio bambino e cercare di salvarlo.

Chris e Connie, papà e mamma di Charlie, dichiarano: “Noi e soprattutto Charlie siamo stati terribilmente abbandonati lungo tutto il processo”. I genitori ringraziano chi ha contribuito economicamente a sostenere loro figlio ed hanno deciso di passare le ultime ore con lui: “Ci lascerà sapendo di essere stato amato da migliaia di persone”.

La storia del piccolo Charlie

In Gran Bretagna si è creata un acceso dibattito a riguardo. Il piccolo, dopo otto settimane di vita, aveva iniziato a perdere peso in maniera preoccupante. I genitori si sono rivolti a dei medici, che hanno diagnosticato una rara malattia genetica: la sindrome di deperimento mitocondriale, che consiste nell’indebolimento dei muscoli fino a rendergli impossibile anche respirare. I genitori si sono opposti alla proposta dei medici di staccare la spina, ed il caso è finito in tribunale. I vescovi inglesi hanno definito “straziante” la scelta della Corte europea.

Giorgia Meloni: “Tentassero di farlo a me, dovrebbero passare sul mio cadavere

Anche in Italia, alcuni politici hanno detto la loro opinione sul caso Charlie. Giorgia Meloni non ha dubbi: “Tentassero di farlo a me, di staccare le macchine che tengono in vita mio figlio quando potrebbe esserci una speranza di curarlo, beh dovrebbero passare sul mio cadavere. E ora indignatevi, cari benpensanti, che tanto non sarete mai indignati come lo sono io ora”.

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed