Blog di News Lifestyle Gossip TV e Spettacolo

Inps, pubblicata circolare su contributi e pensioni per colf e badanti

L’invariata inflazione nel 2017 non ha prodotto sostanziali cambiamenti nei parametri previdenziali sugli importi e le scadenze dei contributi riguardanti il lavoro domestico di colf e badanti: si evince dalla nuova circolare Inps, 13/2017.

Si ricorda inoltre che i contributi garantiscono la polizza contro gli infortuni, malattia, diritto alla disoccupazione e la copertura assicurativa per la pensione.

Per quanto riguarda il versamento dei contributi per badanti e colf, si ricorda che ha scadenza trimestrale e va effettuato entro i primi 10 giorni del trimestre successivo, in rifermento al 2017 i contributi andranno pagati quindi entro il 10 aprile. In caso di cessazione del rapporto i dieci giorni si contano invece dalla data di interruzione dello stesso.

Il pagamento può essere effettuato online tramite il sito dell’Inps, tramite il circuito “Reti Amiche” o per mezzo del bollettino Mav.

Calcolo dei contributi per colf e badanti

Il lavoro domestico viene disciplinato dalla legge n. 330 del 2 aprile 1958, con il calcolo su base forfettaria. Le ore di lavoro possono essere inferiori o superiori alle 24 ore settimanali, al superamento di tale soglia viene applicato un contributo fisso, indipendente dalla retribuzione effettiva, le aliquote IVS sono infatti del 17,4% rispetto al 33% delle generalità degli assicurati.
Per i contratti a tempo determinato, a carico del datore di lavoro è previsto un contributo aggiuntivo dell’1,40% per l’Aspi.

I contributi, com’è noto, sono calcolati in modo diverso rispetto alla generalità dei lavoratori dipendenti in quanto vengono determinati in misura convenzionale a seconda che il collaboratore familiare presti la propria attività lavorativa con orario inferiore o superiore alle 24 ore settimanali. Se non supera le 24 ore, il contributo orario è commisurato a tre diverse fasce di retribuzione. Se l’orario, invece, è di almeno 25 ore settimanali, il contributo orario prescinde dalla retribuzione corrisposta ed è fisso per tutte le ore lavorate.

Altra differenza rispetto alla generalità dei lavoratori dipendenti sta nel fatto che le aliquote di contribuzione sono inferiori: l’aliquota IVS di finanziamento della gestione è infatti pari allo 17,4275% della retribuzione contro il 33% della generalità degli altri assicurati.

A tale aliquota va aggiunto il contributo Aspi (che è superiore per i datori che non sono soggetti al contributo CUAF, Cassa Unica Assegni Familiari) la tutela Inail e il Fondo per il TFR. Complessivamente l’aliquota su cui si versano i contributi è pari al 19,9675% della retribuzione convenzionale oraria come articolata nella tavola sottostante. Dal 2013, per i soli rapporti di lavoro a tempo determinato, è previsto un contributo addizionale di finanziamento dell’Aspi, a carico del datore di lavoro, nella misura del 1,40 per cento.

La retribuzione presa a riferimento per determinare il contributo corrispondente comprende, oltre alla paga oraria concordata tra le parti, anche la tredicesima mensilità e l’eventuale indennità di vitto e alloggio, calcolate in misura oraria. Il contributo previdenziale – che garantisce copertura assicurativa per la pensione, la maternità, la disoccupazione, gli assegni al nucleo familiare, nonché l’assicurazione contro gli infortuni e le malattie professionali – è versato, oltre che per le ore di effettivo di lavoro, anche per quelle di assenza comunque retribuite (malattia, ferie, festività eccetera).

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed