Blog di News Lifestyle Gossip TV e Spettacolo

Istat, produzione industriale cresce +4,4% e traina i beni strumentali

La produzione industriale a  luglio 2017 aumenta del 4,4% su base annua nei dati corretti per gli effetti di calendario. Rispetto a giugno invece l’aumento si attesta allo 0,1%.

L’Istat fa notare che l’indice tendenziale è in crescita quasi ininterrotta da agosto 2016 con la sola eccezione di gennaio 2017. Fanno da traino i beni strumentali, che vedono un forte aumento del 5,9% sull’anno e “sono l’unico comparto ampliamente sopra il livello del 2010”. Aumentano pure beni di consumo (+4,1%), intermedi (+3,5%) ed energia (+3,3%).

“Paese in ripresa”

“Il nostro Paese è finalmente in lenta ripresa, in realtà anche meno lenta di quanto si pensasse: ho visto oggi che la produzione industriale è cresciuta del 4 per cento, un dato impensabile anche solo uno o due anni fa”, ha commentato il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni inaugurando un nuovo polo scolastico a Cernusco sul Naviglio, nel Milanese.

“I dati della produzione industriale di oggi sono dati che solo uno o due anni fa avremmo considerato impossibili da raggiungere”. Mentre l’ex premier Matteo Renzi lo sottolinea con un Tweet: – “Produzione industriale +4.4% (Istat). Noi portiamo Italia #fuori dalla crisi. Salvini e Grillo portano Italia #fuori dall’euro. #differenze”.

L’indice destagionalizzato mensile registra variazioni congiunturali positive nei raggruppamenti dei beni strumentali (+1,6%), dei beni di consumo (+0,5%) e dei beni intermedi (+0,3%); segna invece una variazione negativa il comparto dell’energia (-3,6%). In termini tendenziali gli indici corretti per gli effetti di calendario registrano una crescita significativa per i beni strumentali (+5,9%); in misura rilevante aumentano anche i beni di consumo (+4,1%), i beni intermedi (+3,5%) e l’energia (+3,3%).

Per quanto riguarda i settori di attività economica, i comparti che registrano la maggiore crescita tendenziale sono quelli della attività estrattiva (+8,4%), della fabbricazione di macchinari e attrezzature n.c.a (+8%), delle industrie alimentari, bevande e tabacco e della fabbricazione di mezzi di trasporto (entrambi +6,9%). Si registrano diminuzioni nei settori della fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche, della fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi (entrambi -0,6%) e delle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-0,5%).

In crescita la produzione di autoveicoli

Tra i  settori, spicca quello della produzione di autoveicoli, che  aumenta del 9,1% a luglio 2017 rispetto allo stesso mese del 2016. Nei primi sette mesi dell’anno l’incremento rilevato dall’Istat è del 10%. Vanno molto bene anche nel confronto annuo l’attività estrattiva (+8,4%), la fabbricazione di macchinari e attrezzature n.c.a (+8,0%), delle industrie alimentari, bevande e tabacco e della fabbricazione di mezzi di trasporto (entrambi +6,9%). Diminuzioni si registrano invece nei settori della fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche, della fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi (entrambi -0,6%) e delle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-0,5%).

 

Dati ottimi per l’Unione Consumatori

“Dati ottimi. Dopo i risultati positivi di giugno, prosegue la crescita della produzione industriale. In particolare, è decisamente notevole l’andamento dei beni di consumo, saliti del 4,1% su base annua, con un balzo del 6,2% di quelli durevoli e del 3,8% dei non durevoli”, ha commentato Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. Per la prima volta, ha aggiunto, “confrontando i valori pre-crisi, si registra almeno un raggruppamento in aumento: i beni di consumo non durevoli, infatti, sono saliti dell’1,3% dal luglio 2007 al luglio 2017. Un traguardo fino a poco tempo fa decisamente insperato”, ha proseguito Dona.

“Ovviamente il cammino da percorrere è ancora lungo. La produzione industriale complessiva, rispetto al luglio 2007, è ancora inferiore del 16,9% e i beni di consumo durevoli segnano un tracollo del 29,3%. Ma la novità è che, finalmente, si intravede, anche simbolicamente, la luce in fondo al tunnel”, ha concluso Dona.

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed