Blog di News Lifestyle Gossip TV e Spettacolo

J-Ax e Fedez presentano “Comunisti col Rolex”: “Nessuna vergogna”

“Comunisti col Rolex” è finalmente fuori in tutti i negozi di dischi e digital store. L’album dei rapper Fedez e J-Ax è stato “partorito” a mezzanotte sulle piattaforme digitali, tra cui Spotify. Da oggi è possibile acquistarlo. Tantissime aspettative sul disco, attorno cui le due star della musica hanno costruito una spasmodica attesa tramite Instagram stories e post sui social.

Ieri si è tenuta la conferenza stampa di presentazione. Il luogo? Casa di Fedez: “I giornali hanno parlato così tanto della mia casa e di quanto sia costata, che ho deciso di presentarlo qui. Mi hanno accusato di esibizionismo grossolano, convincendomi così a invitare la stampa proprio qui. Tiziano Ferro abita nella scala accanto. Non ho nulla contro di lui, ma ha speso più o meno gli stessi soldi che ho speso io e nessuno ha detto niente. Ho messo qualche foto su Instagram e le penne importanti si sono indignate. Questa è l’Italia: se fai i soldi ti devi vergognare”.

Chiara Ferragni assente, sostituita dalla mamma manager di Fedez. J-Ax prosegue: “Siamo diventati ricchi, ma manteniamo una coscienza sociale e la comunichiamo attraverso i pezzi. C’è qualcuno che si indigna? Si fotta”.

La tracklist del disco è composta da sedici pezzi, tra cui i singoli già usciti “Vorrei ma non posto” e “Assenzio”. Tante collaborazioni, ma nessun altro rapper: Giusy Ferreri, Nek, Arisa e Loredana Bertè, farciscono con ulteriore qualità l’album.

Il tour inizierà l’11 marzo dal PalaAlpitour di Torino: “Ne siamo entusiasti – dicono – perché Torino è una piazza caldissima. Abbiamo venduto oltre centomila biglietti e siamo già in doppia o tripla data in alcune città. Pare che ci siano tantissime richieste, non vediamo l’ora. Come sarà lo spettacolo? Come quello di Baglioni e Morandi. Non è una battuta, canteremo pezzi delle discografie personali ma proveremo anche a scambiarci le canzoni. La band che ci accompagnerà sarà all’altezza e alle tastiere c’è Paolino Jannacci. In estate non ci fermeremo e stiamo pensando a qualche festival”.

Chiosa finale sulla bagarre social con Gué Pequeno e Marracash, su cui per la prima volta si esprime J-Ax, uno dei padrini dell’hip hop italiano: “Ci hanno “trollato” a dovere e ci sta, hanno usato la nostra popolarità per farsi un po’ di pubblicità. Ci sta ma ora basta. La storia finisce qui”.

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed