Blog di News Lifestyle Gossip TV e Spettacolo

L’aspirina ha potenti effetti anticancro: uno studio lo conferma

aspirina

L’aspirina potrebbe avere potenziali effetti anticancro. La scoperta secondo recenti studi a carattere scientifico. La ricerca, condotta dal Massachussets General Hospital e dall’Harvard Medical School, avrebbe ulteriormente confermato questa sua peculiarità.

La ricerca

L’ assunzione sistematica di aspirina, potrebbe ridurre l’incidenza di mortalità per tumore dell’11% per gli uomini e del 7% nelle donne.

Il suo principio attivo è l’acido acetilsalicilico. Oltre ad avere le sue tradizionali e riconosciute indicazioni antinfiammatorie potrebbe incidere positivamente su patologie croniche tumorali.

La sua benefica azione potrebbe incidere, dunque, in uno stato di infiammazione cronica. Ciò agevolerebbe gli errori del Dna e la conseguente proliferazione delle cellule tumorali.

La riduzione dei decessi riscontrata durante lo studio avrebbe riguardato soprattutto pazienti affetti da tumore al colon. Con un riscontro positivo del 31% per le donne e del 30% per gli uomini.

Un’aspirina al giorno …

L’assunzione dell’aspirina per la prevenzione del cancro, secondo gli esperti, dovrebbe avvenire quotidianamente ma a lungo andare potrebbe avere controindicazioni.

I possibili suoi effetti collaterali sarebbero riconducibili soprattutto a carico dell’apparato digerente e neurologico con possibili emorragie gastriche e a carico del cervello.

L’utilizzo del medicinale per la prevenzione delle neoplasie non è però indicato per tutte le persone, la raccomandazione riguarda infatti solo le persone predisposte allo sviluppo di malattie cardiovascolari.

Si è inoltre constatato che nelle persone già colpite dal tumore la probabilità di sviluppare metastasi si abbassa notevolmente e si riduce anche il tasso di mortalità.

Fra tutti gli studi vi riportiamo ad esempio i dati relativi a quello della Queen Mary University of London (Estimates of benefits and harms of prophylactic use of aspirin in the general population – doi: 10 1093 / annonc / mdu225) dove si è rilevato che un uso continuo del farmaco per almeno 10 anni riduce il rischio di tumore al colon del 35 per cento, e dell’esofago e stomaco del 30 per cento.

Gli esperti spiegano che non esistono dati conclusivi sull’efficacia del farmaco nella fascia di popolazione sotto i 50 anni. In età più avanzata, crescono troppo i rischi di emorragie.

Il medicinale è consigliato alle persone tra i 50 e i 69 anni con elevato pericolo di sviluppare malattie cardiovascolari.

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed