Blog di News Lifestyle Gossip TV e Spettacolo

Passo avanti della medicina, cellule staminali per riparare i denti

Cellule staminali per riparare i denti. Lo dimostra lo studio della rivista inglese “Scientific reports”, dopo aver condotto l’esperimento sui topi. Le cellule iniettate stimolerebbero i denti ad auto-ripararsi.

La stimolazione avverrebbe sulla dentina, il tessuto compreso tra lo smalto e la polpa, tramite un farmaco solitamente utilizzato contro l’Alzheimer. Gli esperimenti sono stati guidati da Paul Sharpe, ricercatore del King’s College di Londra, tra i primi ad aver creato denti in laboratorio.

La cura potenzia la capacità di base dei denti di ripararsi dopo lievi danni, rendendola più efficace. A riparare tali piccoli danni, nella normalità, interviene la dentina, ma con uno strato sottile che non riesce a riempire grandi cavità lasciate dalle carie. In questo modo, la dentina verrebbe prodotta in quantità maggiore, riparando ogni problema.

La molecola utilizzata è chiamata “Gsk-3” (Glicogeno sintasi chinasi), utilizzata come cura per alcune malattie neurologiche, tra cui l’Alzheimer, e che casualmente stimola le cellule staminali che producono dentina. Il glicogeno viene applicato nei denti attraverso spugne biodegradabili di collagene, inserite nelle cavità. La formazione ossea dovrebbe auto-ripararsi in un periodo compreso tra le 4 e le 6 settimane. La spugnetta si bio-degrada nel tempo e lo spazio viene occupato dalla nuova dentina. Paul Sharpe spiega: “L’approccio riesce sia a proteggere la polpa, sia a ripristinare la dentina”.

Il primo dente costruito in laboratorio e poi trapiantato in una cavia era stato creato in Giappone nel 2011, sotto la guida di un altro pioniere del campo, il giapponese Takashi Tsuji. Ora, però, i denti si ripareranno “sul posto”, senza aver bisogno di interventi per la sostituzione dell’osso.

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed