Chi è Harrison Ford

  • blog notizie - Harrison Ford

Biografia

Nato a Chicago il 13 luglio del 1942, grazie alla sua classe e ai suoi personaggi che sono entrati con merito nella storia del cinema, Harrison Ford è una vera icona, uno degli attori più affermati di Hollywood.

Nasce da padre irlandese cattolico e madre russa ebrea; durante l’ultimo anno delle scuole superiori è la voce della stazione radio della Maine Township High School di Park Ridge in Illinois; dopo aver abbandonato gli studi ad un mese dalla laurea, si trasferisce a Los Angeles con l’idea di diventare un attore.

Il suo primo lavoro in realtà lo svolge ai grandi magazzini Bullock’s come addetto ad un reparto per la produzione di carta da parati ma fa la sua prima apparizione sullo schermo in “Alle Donne piace Ladro” una commedia di qualità non eccelsa, di Bernard Girard, nella quale ha una parte di 20 secondi.

Harrison firma un contratto con la Columbia dove viene obbligato ad usare il nome Harrison J Ford, per distinguerlo dall’Harrison Ford, attore del cinema muto. Viene scartato per il ruolo del protagonista in “L’Amante Perduta” di Jacques Demy.

Scoraggiato, abbandona il mondo del cinema e si mette a fare il falegname, lavoro che gli riesce con discreto successo tanto da diventare noto tra i divi e i produttori di Hollywood. Da lì a poco arriverà il miracolo: mentre è intento a riparare il tetto della casa del produttore Fred Harrison si ritrova sul set di “American Graffiti” (1973) di George Lucas.

Sarà proprio Lucas a renderlo famoso in tutto il mondo con il personaggio di Han Solo nella prima trilogia di Star Wars.

Da qui in avanti è difficile trovare un suo film che non abbia sbancato il botteghino.

La consacrazione definitiva arriva nei panni di Indiana Jones, l’avventuroso archeologo creato da Steven Spielberg che incarna i tipici eroi dei fumetti, facendo riscoprire al pubblico il gusto dell’avventura. Emblematica è la sua interpretazione di Rich Deckard, il cacciatore di replicanti del film culto “Blade Runner” (1982) di Ridley Scott.

Nel 1985 è candidato all’Oscar e al Golden Globe per “Witness – Il testimone” di Peter Weir. Altre tre candidature per i Golden Globes con i film “Mosquito Coast”, “Il fuggitivo” e “Sabrina” (remake di un film del 1954 nel quale Harrison Ford reinterpreta la parte che fu di Humphrey Bogart).

Altri film degni di nota sono “Presunto innocente”, tratto dal bellissimo romanzo di Scott Turow, e “Le verità nascoste”.

Ha invece rifiutato il ruolo di Russell Crowe in “Rapimento e Riscatto”, di George Clooney in “La Tempesta Perfetta” e di Mel Gibson ne “Il Patriota”, mentre ha rimpiazzato Kevin Costner in “Air Force One”.

Nel 2002 gli viene assegnato il premio Cecil B. DeMille alla carriera durante la cerimonia dei Golden Globes; nello stesso anno è presente alla Mostra del cinema di Venezia con il film fuori concorso “K 19” di Kathryn Bigelow.

Geloso della sua vita privata, ha vissuto nel suo ranch a Jackson Hole, nel Wyoming, con la seconda moglie Melissa Mathison (sceneggiatrice di “E.T.”, sposata nel 1983 e da cui ha divorziato nel 2002) e con i loro due figli Malcom e Giorgia. Si era già sposato nel 1964 con Mary Marquardt da cui ha divorziato nel 1979. Con lei ha avuto altri due figli, Benjamin e Willard, di cui uno lo ha reso nonno.

Nel tempo libero si diletta con i suoi arnesi da falegname e gioca a tennis. Possiede un elicottero e alcuni aerei con cui pratica il volo acrobatico. Si è procurato la cicatrice sul mento in un incidente d’auto e anche sul set si è infortunato varie volte.

Nel 2010, all’età 67 anni, prende moglie per la terza volta sposando la compagna Calista Flockhart (45 anni), famosa in Italia per la serie TV “Ally McBeal”.

Negli anni 2010 Harrison Ford è tornato a vestire i panni di alcuni dei suoi personaggi più celebri, per nuovi capitoli o sequel di film. Tra questi ci sono “Il risveglio della Forza” (2015) e “Blade Runner 2049” (2017).

Filmografia essenziale di Harrison Ford

Alle donne piace ladro, regia di Bernard Girard (1966)
Luv vuol dire amore? (Luv), regia di Clive Donner (1967)
Assalto finale (A Time for Killing), regia di Phil Karlson (1967)
7 volontari dal Texas (Journey to Shiloh), regia di William Hale (1968)
Zabriskie Point, regia di Michelangelo Antonioni (1970)
L’impossibilità di essere normale (Getting Straight), regia di Richard Rush (1970)
American Graffiti, regia di George Lucas (1973)
La conversazione (The Conversation), regia di Francis Ford Coppola (1974)

Guerre stellari (Star Wars Episode IV: A New Hope), regia di George Lucas (1977)
Heroes, regia di Jeremy Kagan (1977)
Forza 10 da Navarone (Force 10 from Navarone), regia di Guy Hamilton (1978)

Apocalypse Now, regia di Francis Ford Coppola (1979)
Una strada, un amore (Hanover Street), regia di Peter Hyams (1979)
Scusi, dov’è il West? (The Frisco Kid), regia di Robert Aldrich (1979)

L’Impero colpisce ancora, regia di Irvin Kershner (1980)

I predatori dell’arca perduta, regia di Steven Spielberg (1981)

Blade Runner, regia di Ridley Scott (1982)

Il ritorno dello Jedi (Star Wars Episode VI: Return of the Jedi) (1983)
Indiana Jones e il tempio maledetto, regia di Steven Spielberg (1984)
Witness – Il testimone (Witness), regia di Peter Weir (1985)
Mosquito Coast, regia di Peter Weir (1986)
Frantic, regia di Roman Polański (1988)
Una donna in carriera (Working Girl), regia di Mike Nichols (1988)

Indiana Jones e l’ultima crociata, regia di Steven Spielberg (1989)
Presunto innocente (Presumed Innocent), regia di Alan Pakula (1990)
A proposito di Henry (Regarding Henry), regia di Mike Nichols (1991)
Giochi di potere (Patriot Games), regia di Phillip Noyce (1992)

Il fuggitivo (The Fugitive), regia di Andrew Davis (1993)
Sotto il segno del pericolo, regia di Phillip Noyce (1994)

Sabrina, regia di Sydney Pollack (1995)
Les cent et une nuits de Simon Cinéma, regia di Agnès Varda (1995)

L’ombra del diavolo (The Devil’s Own), regia di Alan Pakula (1997)

Air Force One, regia di Wolfgang Petersen (1997)
Sei giorni sette notti (Six Days Seven Nights), regia di Ivan Reitman (1998)
Destini incrociati (Random Hearts), regia di Sydney Pollack (1999)
Le verità nascoste (What Lies Beneath), regia di Robert Zemeckis (2000)
K-19 (K-19: The Widowmaker), regia di Kathryn Bigelow (2002)

Hollywood Homicide, regia di Ron Shelton (2003)
Firewall – Accesso negato (Firewall), regia di Richard Loncraine (2006)

Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo, regia di Steven Spielberg (2008)
Crossing Over, regia di Wayne Kramer (2009)
Brüno, regia di Larry Charles (2009) – cameo non accreditato
Misure straordinarie (Extraordinary Measures), regia di Tom Vaughan (2010)
Il buongiorno del mattino (Morning Glory), regia di Roger Michell (2010)

Cowboys & Aliens, regia di Jon Favreau (2011)
42 – La vera storia di una leggenda americana (42), regia di Brian Helgeland (2013)
Ender’s Game, regia di Gavin Hood (2013)
Il potere dei soldi (Paranoia), regia di Robert Luketic (2013)
Anchorman 2 – Fotti la notizia, regia di Adam McKay (2013)
I mercenari 3 (The Expendables 3), regia di Patrick Hughes (2014)
Adaline – L’eterna giovinezza (The Age of Adaline), regia di Lee Toland Krieger (2015)

Star Wars: Il risveglio della Forza, regia di J. J. Abrams (2015)