Blog di News Lifestyle Gossip TV e Spettacolo

Torino, scontri in piazza per controlli anti-alcol: agente ricoverato

Scontri tra polizia e civili a Torino. Alcuni agenti in tenuta antisommossa ed alcuni ragazzi, che bevevano alcolici fuori dai locali della vita notturna torinese, si sono resi protagonisti di alcuni disordini. È successo ieri notte, a piazza Santa Giulia. Un’ordinanza della sindaca Chiara Appendino vieta il consumo di alcolici da asporto dalle 20,00 alle 6,00. Alcuni membri delle forze dell’ordine arrivano a presidiare la zona, limitando gli accessi. Un gruppo di giovani protesta e intona cori come “Gli sbirri di Torino sono astemi” e “Ma che colpa abbiamo noi, se beviamo più di voi?”. Da lì a poco, lo scontro.

Sembrava che il tutto si limitasse solo a cori di scherno. A un certo punto, però, un cordone di poliziotti si ritira e sale sulle camionette, il manifestanti esultano e si muovono verso l’altro cordone, che va via a ruota. Restano in piazza solo alcuni poliziotti in borghese, che pare siano stati provocati dalla folla, finché uno degli agenti avrebbe sferrato un pugno a uno dei ragazzi. Da qui nasce la colluttazione. L’agente viene spinto a terra e picchiato. Le camionette andate via tornano indietro, gli agenti scendono e parte lo scontro. Dall’altro lato della strada qualche ragazzo lancia da lontano sedie di plastica contro i poliziotti. Terminata la colluttazione, si contano alcuni feriti, un poliziotto ricoverato, due ragazze fermate e tanti danni per i locali.

La sindaca spiega: “Non vogliamo ledere il diritto dei giovani a divertirsi”

La sindaca Appendino, qualche giorno fa, aveva comunicato di “non voler in alcun modo ledere il diritto dei giovani di divertirsi e di trascorrere le serate nelle nostre piazze, ma tutelare residenti e commercianti onesti dalla concorrenza sleale”.

I civili convocano conferenza stampa

La folla protagonista dello scontro, in gran parte appartenente ad un centro sociale della zona, ha convocato una conferenza stampa: “La folle notte di stasera necessita che chi vive realmente in questo quartiere possa raccontare i fatti accaduti e le motivazioni che noi crediamo siano dietro tali gesti sconsiderati”.

Lingua predefinita del sito

Lascia un commento

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed